Guida culturale e d'affari

Stabilirsi in Cina

Introduzione

La Cina è considerata un grande mercato che genera meravigliose opportunità e sfide, ba tutt'ora ancora pochissime aziende europee sano esattamente come adattarsi alle dinamiche di questo grande Paese.

Ci sono differenti modi per approcciare e penetrare questo mercato, e le aziende europee normalmente hanno un approccio graduale. A volte esplorano il mercato acquistando o esportando piccole quantità di merci e tramite questi test, acquisiscono una conoscenza generica.

In realtà, ogni azienda dovrebbe verificare la migliore soluzione che sia più adatta alle proprie esigenze e obiettivi, ed è altamente consigliato di affidarsi a professionisti di fiducia per aumentare le possibilità di successo ed essere aggiornati sulle continue modifiche sulle leggi e regolamentazioni del Governo (http://www.pndp.net/chinas-new-company-registration-and-administration-regime/)

Come condurre il proprio business in Cina?

Generalmente, potresti trovare differenti soluzioni e strutture di investimento su come approcciare il mercato cinese. Certamente si devono prendere in considerazione molti fattori quando si prendono decisioni così importanti.

L'azienda che intende avvicinarsi al mercato cinese dovrebbe concentrarsi su alcuni fattori chiave quali l'ambito del business o il tipo di investimento. L'ambito ha un'importante valenza che deve essere attentamente selezionata dal momento che la descrizione dell'attività apparirà sulla licenza di business e quindi, solamente le attività in essa descritte potranno essere perseguite, mentre altre attività che non sono incluse nella descrizione non possono.

RO – ufficio di rappresentanza

Un ufficio di rappresentanza può essere un modo interessante per investigare il mercato cinese. È probabilmente la struttura di investimento più facile da essere costituita in Cina da parte di un'azienda straniera ma naturalmente ha alcuni limiti. Al RO è generalmente proibito fare attività di lucro, quindi l'organizzazione con un Ro non può emettere fatture o organizzare vendite/acquisti o altre attività operative. Generalmente il RO è concepito come no strumento “morbido” per fare ricerche sul mercato tramite ricerche industriali o attività di networking.

Al RO è assolutamente vietato dalla legge firmare contratti e siglare affari per conto della casa madre e non puà in alcun caso rappresentare altre aziende ad eccezione della casa madre.

Puoi trovare alcune informazioni:

http://www.pathtochina.com/reg_ro.htm

WFOE: azienda a capitale totalmente straniero

Una WFOE è la struttura di investimento più comune e che è completamente posseduta da un investitore straniero.

Può intraprendere quasi tutti i tipi di business, e , a seconda delle attività, possiamo contare tre categorie differenti di WFOE:

  • Manufacturing WFOE: quando la WFOE intraprende esclusivamente attività manifatturiere.
  • Consulting WFOE: quando la WFOE intraprende esclusivamente attività di servizi e consulenza.
  • FICE (Impresa commerciale con investimento straniero): quando la WFOE intraprende esclusivamente attività commerciali, attività all'ingrosso, di retail e franchising (può anche essere stabilita come JV).

Oltre al fatto che una WFOE permette indipendenza nella creazione e nello sviluppo di strategie o nell'assunzione di decisioni, questo tipo di azienda può formalmente portare avanti affari ed emettere fatture in RMB.

Ad ogni modo, si tratta di un investimento importante che deve essere attentamente considerato.

PRO

  • processo decisionale rapido
  • Nessuna necessità di condividere con il partner locale le tecnologie, il know-how ecc...
  • 100% possesso
  • Nessun problema culturale

CONTRO

  • investimento di capitale da un'unica parte
  • Minori possibilità di contatto con il mercato locale (conoscenza del mercato) e con la società locale (processo governativo)

JV – Joint Venture

Una joint venture è un'azienda che è parzialmente posseduta da un investitore straniero e da un partner cinese.

Generalmente, una JV è il modo più comune per costituire un business in Cina che richiede per legge un partner locale.

Ci sono due tipi di joint venture:

  • Contractual JV (CJV)

Questo tipo di JV permette la divisione dei profitti e delle perdite secondo le specifiche clausole menzionate nel contratto di CJV.

  • Equity JV (EJV)

Questo tipo di JV permette la distribuzione dei profitti e delle perdite secondo le rispettive quote ne EJV. Vi è un minimo del 25% del capitale investito da parte dell'azienda straniera necessario per la costituzione di questo tipo di JV.

http://www.pathtochina.com/reg_jv.htm

Per riassumere ed essere chiari , qui di seguito una tabella:

PRO

  • Capitale formato da 2 o più azionisti
  • Guanxi di rilievo con la società locale
  • Condivisione di costi e rischi

CONTRO

  • Processo decisionale lungo
  • Condivisione tecnologica e di know-hw (rischio sulla proprietà intellettuale)
  • Differenza culturale (anche ad alti livelli manageriali)

E per quel che riguarda un negozio on line?

L'e-commerce è un settore in crescita che offre molte possibilità alle aziende europee. Ciononostante si tratta di un nuovo mercato che deve essere attentamente studiato secondo i target, obiettivi e scopi che un'azienda intende raggiungere.

Per costituire un negozio on line è comunque necessario creare una WFOE o, se la compagnia già esiste in Cina, si renderanno probabilmente necessarie alcune modifiche.

In riferimento a questo particolare investimento, è fondamentale assumere un'azienda specializzata nel costituire questo tipo di imprese.

Date un'occhiata alla presentazione di P&P (Shanghai) Business Consultancy Co., Ltd:

https://prezi.com/x9qsj1jmbg-n/

Bibliografia

Dennis, A. Leventhal, How to Leap a Great Wall in China, Merwin Asia - June 2014

Kerry Brown, China and the EU in Context: Insights for Business and Investors – May 2014r

Link esterni

Project 2014-1-PL01-KA200-003591